Proteggere e preservare i valori delle cooperative bancarie. Questo il focus del dibattito a più voci aperto lo scorso dicembre su MF Milano Finanza. Manuel Costa, con domande attuali e significative, ha intervistato Teresa Fiordelisi, presidente Bcc Basilicata e componente del Board Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea.

Dalla Riforma del Credito Cooperativo al PNRR, dal ruolo storico delle Bcc alla transizione digitale, emerge un aspetto fondamentale: «Il futuro dipende dalla nostra capacità di saper coniugare modernità e tradizione, Gruppo e Banca, Cornice e singolo quadro.» Sostiene la presidente, e continua: «Una BCC, per essenza, mission e organizzazione, è in re ipsa una banca a triplo impatto: culturale, economico, sociale. Culturale, nel senso di rappresentare quella necessaria biodiversità bancaria che è una ricchezza per qualsiasi sistema finanziario complesso; economico, nel senso dell’assolvere a un fondamentale ruolo anticiclico e di sviluppo dei territori; sociale, in termini di partecipazione dei soci e delle comunità locali nella gestione di una istituzione che è avvertita come bene comune. Questo è dunque il valore aggiunto del credito cooperativo: vicinanza al territorio, ascolto, comprensione, risposte taylor made.»

E sul Mezzogiorno? Le banche di comunità, hanno un ruolo fondamentale per le aree interne del Paese. Per Fiordelisi «Il forte radicamento delle BCC è legato alle stesse caratteristiche del territorio del Mezzogiorno, e si spiega con i valori costitutivi del mondo cooperativo, meno incline ad una visione unicamente industriale della banca.»

L’intervista completa su Milano Finanza

 


Argomenti correlati

Bcc Basilicata Leader di regione al primo posto per MF Index di Milano Finanza

PNRR e Family Act: Fiordelisi al webinar con la Ministra Bonetti

Festival Nazionale dell’Economia Civile, lavoro ed inclusione le parole della Presidente Fiordelisi

 

Spargi la voce :)